URL /
xxxOK



Ultime Notizie:

#028 Sito dimenticato


Per piu' di un anno questo sito e' stato lasciato al suo destino e trascurato...ma ora basta...tante cose sono cambiate in quest'anno...e ve le raccontero'...prossimamente nella nuova sezione Blog, mentre lavoro gia da ora ad una nuova skin 2.0 (ma veramente 2.0, mica questa)...a presto!

Stay Tuned!!!


2011-02-02 15:00:00

#027 Ritorno dalle vacanze


Ciao a tutti!
Spero abbiate passato delle buone vacanze natalizie...io come regalo vi faccio il video della partita contro il Sustinente che non ho potuto upppare prima delle vacanze causa neve...a breve carichero' il video di ieri sera della partita Canneto - Pizzighettone e quello della partita che si giochera' domenica (Pizzighettone - Casalmoro).
Buon ritorno alla vostra tremenda routine e a presto!

Stay Tuned!!!


2010-01-08 10:15:00

#026 Emendamento D'Alia


Stamattina controllo la posta e mi trovo una mail molto interessante, che riguarda tutti noi...mi ha talmente toccato che ho deciso di pubblicarla e di farla sapere a tutti...fatela girare grazie, perche' ne va del bene per tutti noi:


Ieri (02-Dic-09) il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d.L. 733) tra gli altri con un emendamento del senatore Gianpiero D'Alia (UDC) identificato dall'articolo 50-bis: /Repressione di attivita' di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet/ . la prossima settimana Il testo approdera' alla Camera diventando l'articolo nr. 60.

Il senatore Gianpiero D'Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo e cio' la dice lunga sulla trasversalita' del disegno liberticida della "Casta".

In pratica in base a questo emendamento se un qualunque cittadino dovesse invitare attraverso un blog a disobbedire (o a criticare?) ad una legge che ritiene ingiusta, i /providers/ dovranno bloccare il blog.

Questo provvedimento puo' far oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all'estero; il Ministro dell'Interno, in seguito a comunicazione dell'autorita' giudiziaria, puo' infatti disporre con proprio decreto l'interruzione della attivita' del blogger, ordinando ai fornitori di connettivita' alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine.

L'attivita' di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore; la violazione di tale obbligo comporta per i provider una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000.

Per i blogger e' invece previsto il carcere da 1 a 5 anni per l'istigazione a delinquere e per l'apologia di reato oltre ad una pena ulteriore da 6 mesi a 5 anni perl'istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all'odio fra le classi sociali.

Con questa legge verrebbero immediatamente ripuliti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta!
In pratica il potere si sta dotando delle armi necessarie per bloccare in Italia Facebook, Youtube e *tutti i blog* che al momento rappresentano in Italia l'unica informazione non condizionata e/o censurata.

Vi ricordo che il nostro e' l'unico Paese al mondo dove una /media company/ ha citato YouTube per danni chiedendo 500 milioni euro di risarcimento.

Il nome di questa /media company/, guarda caso, e' Mediaset

Quindi il Governo interviene per l'ennesima volta, in una materia che, del tutto incidentalmente, vede coinvolta un'impresa del Presidente del Consiglio in un conflitto giudiziario e d'interessi.

Dopo la proposta di legge Cassinelli e l'istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale che tra poco meno di 60 giorni dovra' presentare al Parlamento un testo di legge su questa materia, questo emendamento al "pacchetto sicurezza" di fatto rende esplicito il progetto del Governo di /normalizzare/ con leggi di repressione internet e tutto il sistema di relazioni e informazioni sempre piu' capillari che non si riesce a dominare.

Tra breve non dovremmo stupirci se la delazione verra' premiata con buoni spesa!

Mentre negli USA Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet in Italia il governo si ispira per quanto riguarda la liberta' di stampa alla Cina e alla Birmania.

Oggi gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati il blog Beppe Grillo e la rivista specializzata Punto Informatico.

Fate girare questa notizia il piu' possibile per cercare di svegliare le coscienze addormentate degli italiani perche' dove non c'e' libera informazione e diritto di critica il concetto di democrazia diventa un problema dialettico.

G. Paolo Vanoli - Giornalista (Albo speciale)



2009-12-18 09:00:00


Feed RSS

Aggiungi nei preferiti!




Valid XHTML 1.1 CSS Valido! Verified Tableless

Valid RSS

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster





Questo materiale è pubblicato sotto una
Licenza Creative Commons


Sito Ottimizzato per Firefox 3.5 e per una risoluzione di 1920x1200 (HD)
The Damned Portal v3 - Winter Edition (Based on LAMP+XHTML+CSS)
© Copyright Sylke Vicious 2007 - 2009